Tipologie di posa

Le tipologie di posa “storiche” per le membrane bitume polimero sono essenzialmente tre: in completa aderenza con posa a fiamma, in semi-indipendenza e in indipendenza totale. A questi tre tipi si aggiunge la posa con fissaggio meccanico.
  1. Posa in indipendenza
    f_114aCon questo tipo di posa l’elemento di tenuta viene posato a secco sul supporto permettendo così una reciproca mobilità. Questa posa è consigliabile quando una elevata mobilità del supporto potrebbe generare nella copertura rischi di rottura per “fatica”. È opportuno, in questo caso, interporre uno strato di scorrimento fra l’elemento di tenuta ed il supporto che limiti le interazioni fra i due strati contigui.
    Sui perimetri della copertura ed in corrispondenza dei volumi tecnici (camini, cupolini ecc.) la membrana verrà comunque fissata al supporto.
    La stabilità del manto sarà assicurata da una zavorra (ghiaia, pavimentazione, ecc.); ciò limita questo tipo di posa alle coperture piane (1-3% di pendenza) che possono sopportare il relativo carico.
  2. Posa in semi-indipendenza
    f_114bIn questo tipo di posa, l’elemento di tenuta viene fissato al supporto per punti ed è quindi libero di muoversi fra questi punti. Esso è utilizzato quando si prevede una certa mobilità del supporto. In ogni caso, la forza di adesione fra manto e supporto deve essere tale da resistere alla forza di estrazione del vento.
    È consigliabile che la semi-aderenza venga realizzata utilizzando le apposite membrane forate (es. Polyfor) che vengono posate a secco sul supporto e sulle quali poi la membrana viene fatta aderire con la fiamma. Queste membrane forate garantiscono la regolarità e l’omogeneità dei punti di saldatura al contrario di quanto succede quando la semi-indipendenza viene realizzata facendo aderire la membrana applicando la fiamma per punti.
  3. Posa in aderenza
    f_114cprimer (es. Primer V70). Questo tipo di applicazione viene adottato quando il supporto è stabile oppure in presenza di forti pendenze. Richiede materiali di qualità con buone caratteristiche di resistenza alle sollecitazioni termiche e meccaniche.
  4.  
  5.  

 

  1. Posa con fissaggi meccanici
    f_114d Il fissaggio meccanico può essere considerato una tipologia di posa “integrata” perché raramente è impiegato da solo. Spesso il fissaggio meccanico riguarda il primo strato impermeabilizzante, soprattutto su supporti isolati termicamente, e viene associato alla sfiammmatura delle sovrapposizioni della membrana stessa. Viene prescritto in località a forte ventosità, su superfici molto inclinate e su supporti che non sopportano l’azione diretta della fiamma. Può essere considerato una tipologia di posa “integrata” in quanto sarà necessariamente coadiuvato dalla posa con sfiammatura.
    Nel caso di utilizzazione del fissaggio meccanico sotto giunzione, su membrane monostrato, utilizzare sempre membrane dotate di elevata stabilità dimensionale, con armatura composita e con cimosa larga (≥10 cm).
    Se il fissaggio meccanico è impiegato su sistemi impermeabili multistrato, la distribuzione dei fissaggi va concentrata sulla prima membrana. In questo modo si integra il pacchetto isolante sottostante. Successivamente la membrana di tenuta va sfiammata su tutta le superficie.

Tipo di fissaggi e loro densità variano in funzione della copertura da impermeabilizzare, dell’edificio, sua ubicazione, sua altezza ed esposizione al vento.

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...