RADON, UN PROBLEMA GRAVE MA SOTTOVALUTATO

RADON, UN PROBLEMA GRAVE MA SOTTOVALUTATO        

http://www.nordbitumi.it

Il radon (Rn) è un gas inerte e radioattivo di origine naturale. È un prodotto del decadimento nucleare del radio all’interno della catena di decadimento dell’uranio. Il suo isotopo più stabile è il radon-222 che decade nel giro di pochi giorni, emettendo radiazioni ionizzanti di tipo alfa e formando i suoi cosiddetti prodotti di decadimento o “figli”, tra cui il polonio-218 e il polonio-214 che emettono anch’essi radiazioni alfa. Il radon è inodore, incolore e insapore, quindi non è percepibile dai nostri sensi. Se inalato, è considerato molto pericoloso per la salute umana poiché le particelle alfa possono danneggiare il Dna delle cellule e causare cancro al polmone-

Il radon è presente in tutta la crosta terrestre. Si trova nel terreno e nelle rocce ovunque, in quantità variabile. Il suolo è la principale sorgente del radon che arriva in casa. I materiali edili che derivano da rocce vulcaniche (come il tufo), estratti da cave o derivanti da lavorazioni dei terreni, sono ulteriori sorgenti di radon. Essendo un gas, il radon può spostarsi e sfuggire dalle porosità del terreno disperdendosi nell’aria o nell’acqua. Grazie alla forte dispersione di questo gas in atmosfera, all’aperto la concentrazione di radon non raggiunge mai livelli elevati ma, nei luoghi chiusi (case, uffici, scuole ecc) può arrivare a valori che comportano un rischio rilevante per la salute dell’uomo, specie per i fumatori.

Descrizione:

La questione del radon è in gran parte ancora sottovalutata in Italia. A colmare alcune lacune informative in merito ci pensa il libro “Il Radon” di Massimo Moroni. Nord Bitumi, sensibile a questo problema, offre una soluzione in grado di incrementare la sicurezza delle abitazioni: Poliguaina Al-R.

Sul problema del radon è stato da poco pubblicato il volume “Il Radon, tecniche di misura e risanamento con elementi di calcolo, modulistica e legislazione di base”, di Massimo Moroni, edizioni Il Sole 24 Ore. Obiettivo del volume è fornire elementi tecnici per la misurazione e mitigazione del radon, gas radioattivo di origine naturale ad alto potenziale cancerogeno, la cui pericolosità, in Italia, è ancora ampliamente sottovalutata. Nel nostro Paese, infatti, solo nel 2000, con il D. Lgs. n. 241, si è elaborata una norma di settore.

Il manuale fa riferimento in particolare agli ambienti domestici, sia per la naturale propensione del gas a concentrarsi negli ambienti chiusi sia per la tendenza di alcuni materiali edili a generare, per fenomeni naturali, il radon. L’opera, pertanto, si propone non soltanto di indicare i metodi per la rilevazione di questo pericoloso elemento nocivo, ma anche le possibili soluzioni tecniche per mettere in sicurezza le abitazioni, una volta accertatane la presenza.

Vieni a trovarci su

http://www.nordbitumi.it

Poliguaina Al-R: un’efficace barriera contro il radon

Una risposta in grado di aumentare la sicurezza della abitazioni è data da Poliguaina Al-R, membrana bitume polimero di Nord Bitumi. Sottoposta a severi test tecnici dalla Ceske Vysoke Uceni Technicke v Praze Faculta Stavebni (Facoltà delle costruzioni dell’Università di Praga), ha dato prova di un’elevata resistenza ai gas radioattivi. Poliguaina Al-R, pertanto, si presenta come una soluzione in grado di bloccare le vie d’ingresso del radon dal sottosuolo, riducendone la concentrazione e pertanto il rischio per la salute.
Le attestazioni di prova ufficiali sono richiedibili a Nord Bitumi SpA.

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...